RICERCA FINANZA di Massimo Intropido - Sito ufficiale


Vai ai contenuti

Riflessioni ed approfondimenti di ANALISI TECNICA

Analisi Tecnica

Riflessioni ed
approfondimenti di
ANALISI TECNICA


L'ANALISI TECNICA A SUPPORTO DEL TRADING



Cari Lettori,

oggigiorno, molte persone nutrono grande interesse per il trading, ritenendolo uno dei lavori più affascinanti attualmente esistenti. Altre, che vi si impegnano quotidinamente per professione, dimostrano assai più interesse per lo studio dell'andamento dei mercati finanziari, anche per via della loro rapidità nel creare o distruggere valore.

Da ciò si desume che questo studio, a cui i trader dedicano tempo e molta attenzione, è assolutamente necessario e correlato alla stessa attività di trading, proprio perché è assai difficile svolgerla senza saper cogliere, almeno a grandi linee, l'andamento dei mercati.

Lo studio dell'analisi tecnica rappresenta dunque un passaggio obbligato per quanti desiderano imparare ad operare con profitto sui mercati finanziari. Questa disciplina vanta ormai più di un secolo di vita ed essendo estremamente vasta, per studiarla in modo completo occorrerebbero diversi anni e moltissima dedizione.
Per motivi pratici, sarà necessario stabilire delle priorità nella conoscenza delle tecniche di analisi. In tal modo s'inizierà ad acquisire rapidamente non solo i concetti fondamentali, ma anche una certa sensibilità nei riguardi dell'andamento, apparentemente erratico, dei prezzi.

Da dove si inizia?
Sicuramente dallo studio della tendenza principale.
Cosa si intende per tendenza principale?
Si intende la direzione verso la quale i prezzi tendono a muoversi in maniera prevalente, per la maggior parte del tempo in un dato periodo.

Osservando il grafico che riportiamo di seguito, che rappresenta l'andamento dell'indice
Dow Jones nell'ultimo anno, noterete sicuramente che la tendenza primaria è al rialzo




poiché, nel loro andamento caotico, i valori dell'indice sono soprattutto cresciuti.
A questo punto l'analisi sembrerebbe già terminata, visto che la semplice osservazione visiva dei prezzi (o dei valori di un indice) è sufficiente a capirne la tendenza.

Dunque a cosa serve l'analisi tecnica? Quali sono le informazioni in più che essa ci fornisce?
Le indicazioni aggiuntive che ci svela possono essere molte, a seconda dello strumento utilizzato. In questo articolo, dato il limitato spazio a disposizione, ci limiteremo ad elencare le principali.

Ebbene, l'analisi tecnica ci consente prima di tutto di determinare oggettivamente la tendenza, lasciando poco spazio alle interpretazioni personali. Questo grazie al suo fondatore, Charles Dow che, all'inizio del '900, tracciando le regole fondamentali per lo studio dell'andamento dei prezzi, elaborò il principio secondo cui l'orientamento dei massimi e dei minimi del prezzo dell'azione ne determina la tendenza.

Da ciò deriva il principio secondo cui massimi e minimi crescenti implicano un trend rialzista, massimi e minimi decrescenti evidenziano una tendenza ribassista, massimi e minimi pressoché costanti dimostrano l'assenza di una tendenza o (il che è lo stesso) una tendenza laterale o neutrale.

Nel grafico seguente, si evidenzia una successione di massimi e minimi crescenti, pertanto il trend del 2010 del Dow Jones si può dire rialzista, applicando quanto stabilito da Charles Dow







Tuttavia uno studio più attento della dinamica dei prezzi non può non far balzare all'occhio che da marzo a dicembre 2009 la velocità con cui i valori sono cresciuti è stata nettamente superiore a quella mantenuta successivamente.

Infatti, nel diagramma successivo tracciamo la trendline che ha guidato questa fase di intenso rialzo.







Tale linea è violata nel punto "a". Ciò nonostante il rialzo non si è arrestato, essendo proseguito fino al marzo 2010, quando la nuova linea di tendenza, che lo definiva, è stata anch'essa violata al ribasso, nel punto "b".

Con queste due semplici elaborazioni abbiamo evidenziato un'ulteriore valenza dell'analisi tecnica, ovvero quella di stabilire le condizioni minime per poter dire che la tendenza sia ancora in atto, nonostante eventuali ritracciamenti.
Si tratta, giova ribadirlo, di condizioni minime, ovvero di una situazione in cui è possibile solamente dire se una certa condizione è ancora vera oppure no.

L'analisi tecnica, dunque, non è particolarmente affidabile nell'effettuare previsioni precise ed esatte.
Infatti, non avremmo potuto affermare in anticipo fin dove sarebbe arrivato il rally del Dow Jones, ma saremmo stati in grado, grazie all'analisi tecnica, di segnalare quando il recupero dell'indice non riusciva più a tenere un certo ritmo (dettato appunto dalla linea di tendenza).

In simile contesto, il trader avrebbe dovuto iniziare quanto meno a ridurre le proprie posizioni rialziste, non perché sicuro che il rialzo fosse effettivamente finito, ma semplicemente perché era ragionevole supporre che il trend fosse terminato, data la precedente capacità dei valori di rimanere al di sopra della trendline ormai venuta meno.
In altre parole, il Dow Jones, da lì in poi, non ha più dimostrato la stessa forza di prima e questo, per un trader, è un motivo sufficiente per alleggerire le proprie posizioni.

Per ulteriori aspetti dell'utilità di applicazione dell'analisi tecnica per la speculazione sui mercati finanziari vi rimando al mio intervento "L'analisi tecnica a supporto del trading: le conoscenze indispensabili" che terrò in occasione del meeting annuale
Trading Online Expò 2010 di Borsa Italiana, giovedì 28 ottobre dalle 17,15 alle 18,30 ( info evento).
In tale occasione illustrerò la validità ed i principi di utilizzo di importantissimi indicatori quali le medie mobili e le misure di volatilità, strumenti ormai diffusamente disponibili su tutte le principali piattaforme di Trading online.


Massimo Intropido




















Copyright © 2008-2011 Ricerca Finanza. Riproduzione riservata.
Si ricorda che tutti i contenuti di questa pagina sono protetti da copyright. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza l'autorizzazione scritta di Ricerca Finanza e dell'Autore.

Corso di trading, corso di forex, corso per investire in azioni, Massimo Intropido, ricerca finanza, report finanziari, corsi di trading, consulenza finanziaria, trading online, class cnbc, Report finanziario, Massimo Intropido, ricercafinanza, ricerca e finanza, corsi di trading, tradingonline, consulenza finanziaria, investimento obbligazionario, investimento azionario, etf, materie prime, valute, forex, ricercafinanza.it, ricercafinanza.com, ricercaefinanza.it, indici azionari, derivati, itf rimini massimo intropido, ricerca finanza, ricercaefinanza.it, corso di trading, corsi di trading online, i migliori corsi di trading online, fiat, ftse mib, generali, mf finanza, dow jones, unicredit, intesa sanpaolo, quotazioni azioni, mercati finanziari, ricerca finanza, massimo intropido, massimo intropido,massimo intropido, massimo intropido, massimo intropido, corso di trading, trading online, forex, forex, usd eur, trading online, trading online, trading online, trading online, trading online, trading online, corso di trading, ricerca finanza, corso di trading, corso di trading, corso di trading, corso di trading, corso di trading, corso di trading, corso di trading, corso di trading, corso di trading, ricerca e finanza, ricerca e finanza, ricerca e finanza, ricerca e finanza, ricerca e finanza, ricerca e finanza, ricerca e finanza, ricerca e finanza, ricerca e finanza, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, consulenza finanziaria, class cnbc, mf finanza, trading room, analisi tecnica, analisi fondamentale, grafici di borsa, trendline, indici finanziari, etf, angela antetomaso, marina valerio, mariangela pira, marco gaiazzi, class cnbc, mf finanza, trading room, analisi tecnica, analisi fondamentale, grafici di borsa, trendline, indici finanziari, etf,class cnbc, mf finanza, trading room, analisi tecnica, analisi fondamentale, grafici di borsa, trendline, indici finanziari, etf,class cnbc, mf finanza, trading room, analisi tecnica, analisi fondamentale, grafici di borsa, trendline, indici finanziari, etf,class cnbc, mf finanza, trading room, analisi tecnica, analisi fondamentale, grafici di borsa, trendline, indici finanziari, etf,class cnbc, mf finanza, trading room, analisi tecnica, analisi fondamentale, grafici di borsa, trendline, indici finanziari, etf,class cnbc, mf finanza, trading room, analisi tecnica, analisi fondamentale, grafici di borsa, trendline, indici finanziari, etf, massimo intropido, tv finanziaria, analisi tecnica, bande di bollinger, stocastico, macd, indicatori, rsi, medie mobili, resistenze, supporti, analisi tecnica, bande di bollinger, analisi tecnica, bande di bollinger, analisi tecnica, bande di bollinger, analisi tecnica, bande di bollinger, analisi tecnica, bande di bollinger, macd,














Home page | Chi siamo | Corsi | Report | Consulenza | Video | Analisi Tecnica | Borsa Italiana | I Libri di Massimo Intropido | Contatti | Privacy Policy Cookie Policy Terms of use | Mappa del sito

RICERCA FINANZA by ARCHEKONOMIA sas - P.IVA 09374040963 - Copyright 2008/2017 by Archekonomia sas - All rights reserved - Aggiornamento al 24 mag 2017

Torna ai contenuti | Torna al menu